El universo visual de Michelangelo Antonioni: La Aventura (1960)

Ana Melendo Cruz

Abstract


L'articolo ripercorre alcuni motivi fondamentali del film L'avventura di Michelangelo Antonioni (1960), analizzati alla luce di alcune sequenze esemplari. In particolare, sono messi al centro della discussione il ruolo dei personaggi e dello spazio nel definire un universo espressivo ed esistenziale che costituisce la peculiarità principale della pellicola, nonché della produzione complessiva del regista ferrarese, e che distanzia entrambi dallo stile cinematografico classico. Il film, infatti, rompendo con le regole tradizionali del racconto per immagini, ed introducendo variazioni sugli stilemi, ad esempio, della suspence oppure la psicologia dei personaggi, va alla ricerca di una più profonda verità artistica, ricollegandosi così alle espressioni della contemporanea filosofia esistenzialista.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.15160/1826-803X/93

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


ISSN: 1826-803X

Gli articoli pubblicati in questa rivista sono stati valutati, in forma anonima, dal Comitato Scientifico e da referees internazionali, anch’essi coperti da anonimato.