In cerca della percezione perduta: uomini, topi e tartarughe nell’etnobiologia del latino mus marinus

Andrea Guasparri

Abstract


Attraverso lo studio degli etnobionimi descrittivi è possibile ricostruire la percezione “culturale” di un organismo anche per le società antiche. È ciò che si cerca di fare per mus marinus (lett. ‘topo marino’), zoonimo interpretato come un errore grossolano di Plinio, che avrebbe frainteso un passo di Aristotele riferito alla tartaruga palustre europea per riferirsi ad un animale non meglio precisato. In realtà l’analisi etnotassonomica ed etnobiolinguistica del termine, insieme alla ricostruzione dei tratti percepiti come tipici del topo nel mondo antico, portano alla tartaruga liuto, una tartaruga marina ben diversa da Caretta caretta, la più comune nel Mediterraneo.

Parole chiave


ethnobiology of the Ancient World; Greek and Latin sea-animal names; tortoises and turtles in the Ancient World; mice in the Roman World; Dermochelys coriacea in the Mediterranean Sea

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.15160/1826-803X/1196

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


ISSN: 1826-803X

Gli articoli pubblicati in questa rivista sono stati valutati, in forma anonima, dal Comitato Scientifico e da referees internazionali, anch’essi coperti da anonimato.

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.