Problèmes sociolinguistiques de la normalisation du sarde

Rosangela Lai

Abstract


Da decenni il sardo è classificato come lingua in pericolo dall’UNESCO, in virtù dell’interruzione della trasmissione parentale a cui si è assistito fra gli anni Sessanta e Ottanta. In un quadro linguistico così compromesso, le misure di pianificazione linguistica portate avanti dalla Regione Autonoma della Sardegna si sono rivelate sotto alcuni aspetti inadeguate. Come noto fin da Fishman (1991), il buon successo delle misure di standardizzazione presuppone misure volte a ripristinare la trasmissione intergenerazionale, cosa che nel caso della Sardegna non è avvenuta. Nel contributo si espongono e commentano le due proposte di standardizzazione proposte negli scorsi due decenni dalla Regione, evidenziandone gli elementi di criticità e le reazioni del pubblico e delle istituzioni

Parole chiave


Sardinian, standardization, heritage speakers, Limba Sarda Comuna, Limba Sarda Unificada

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.15160/1826-803X/2089

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


ISSN: 1826-803X

Gli articoli pubblicati in questa rivista sono stati valutati, in forma anonima, dal Comitato Scientifico e da referees internazionali, anch’essi coperti da anonimato.