La discussione collettiva: un’occasione per espletare il potenziale matematico delle fonti storiche

Andrea Maffia

Abstract


AbstractIntegrating the history of mathematics in class could be a hard task with young pupils. Indeed, the language of historical sources often poses problems for the modern reader.. Such texts represent cultural artefacts that can give access to mathematical knowledge. The teacher can exploit such potential by acting as a mediator between the mathematical signs of the source and those signs that are accessible to students. Through a case study, we investigate the role of the teacher in the process of semiotic mediation during a collective discussion. The intervention analysed is made up of two phases: firstly, the students work together and, secondly, the teacher mediates a discussion aimed at institutionalizing the knowledge gained. During the analysis of the discussion, working on a text from Tartaglia’s translation of Euclid’s Elements, a group of fifth graders construct a definition of prime numbers. Referring to Theory of Semiotic Mediation, we analyse the role of the teacher in building up semiotic chains linking the students’ productions to an institutionalized knowledge emerging from the discussion. We highlight how the teacher’s focalization on the students’ words facilitates the progress of the discussion, in other words, the potential of the historical text is exploited by fostering a definition that is close to culturally shared mathematics.

Riassunto L’integrazione della storia della matematica può risultare difficile con gli studenti più giovani. Infatti, la fonte storica può presentare un linguaggio lontano da quello attuale. Tali testi rappresentano artefatti culturali che possono dar accesso a una conoscenza matematica. L’insegnante può espletare tale potenziale agendo da mediatore tra i segni matematici della fonte e i segni accessibili agli studenti. Con uno studio di caso, si indaga il ruolo dell’insegnante nel processo di mediazione semiotica durante una discussione collettiva. L’intervento analizzato si svolge in due fasi: una fase in cui gli studenti lavorano collaborando e una fase di istituzionalizzazione attraverso la discussione mediata dall’insegnante. Nella discussione analizzata, il lavoro su un testo tratto dalla traduzione di Tartaglia degli Elementi di Euclide, porta alla costruzione di una definizione di numeri primi all’interno di una classe quinta della scuola primaria. Facendo riferimento alla Teoria della Mediazione Semiotica, si analizza il ruolo del docente nella costruzione di catene semiotiche a partire dalle produzioni dei singoli gruppi fino all’istituzionalizzazione di un sapere condiviso emergente dalla discussione. Si mette in evidenza che la focalizzazione dell’insegnante sulle parole degli alunni permette l’avanzamento della discussione, ovvero viene espletato il potenziale del testo storico arrivando a una definizione vicina alla matematica culturalmente condivisa.

Keywords – collective discussion, historical sources, mediation, semiotics, teacher

Parole chiave – discussione collettiva, fonti storiche, mediazione, semiotica, insegnante


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.15160/2038-1034/1578

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.